In questi tempi di guerre e violenza, in questo presente così incerto e difficile, ognuno di noi può fare la differenza se impariamo assieme ad essere persone migliori. Pensiamo che la pace possa nascere dalle persone comuni, non dagli Stati che ciechi alimentano la spirale bellica e terroristica. Stiamo costruendo un progetto di riscatto e miglioramento umano fuori dal loro mondo in rovina e dalla macchinazione imperante, vogliamo unirci con chi ha a cuore l’umanità. Per questo da sempre siamo indipendenti nelle nostre idee e nella nostra materialità. Per questo oggi ti chiediamo di sostenerci, come puoi e come scegli. SOLDI CHE HANNO VALORE. Perché vogliamo dare valore alla vita e combattere ogni logica di guerra e ogni razzismo. Perché èLeggi Tutto

A Suviana ieri si è consumata l’ennesima strage padronale. Esprimiamo la nostra solidarietà ai lavoratori colpiti da questa tragedia siamo vicini ai familiari e alle persone care delle vittime. Per dire basta alle morti sul lavoro sosteniamo lo sciopero generale dell’11 aprile promosso da Cgil e Uil. Dopo le manifestazioni pacifiste continuiamo la mobilitazione contro tutte le guerre e le logiche belliche che si riproducono nei posti di lavoro e nella vita quotidiana. UNIAMOCI PER migliorare le nostre condizioni di lavoro, difendendo la vita, la salute, la sicurezza e i diritti PER costruire solidarietà, cooperazione, vicinanza, sottraendoci all’estraneità e alla competitività e difendere la nostra dignità NO alle spese militari, SI agli investimenti sulla sicurezza sul lavoro, la sanità, la scuolaLeggi Tutto

Sticky

Viviamo una situazione drammatica in tutto il mondo. Le guerre in atto o minacciate si moltiplicano senza tregua mettendo a grave rischio l’umanità tutta. Continua la guerra in Ucraina, iniziata dalla Russia ma provocata anche dalla prepotenza della NATO. Per l’ennesima volta dilaga quella in Palestina iniziata il 7 ottobre con il pogrom di Hamas a danno di ebrei inermi e continuata dall’esercito israeliano da 6 mesi contro la popolazione palestinese di Gaza: un massacro genocida che ha causato più di trentaduemila morti e che prosegue riducendo alla fame e alla sete la popolazione superstite, attaccando ed assassinando anche i cooperanti delle ONG. Il governo Netanyahu, non contento dello sterminio in Terra Santa, ha ordinato attacchi a postazioni iraniane in SiriaLeggi Tutto

Sette giorni in mare senza acqua e cibo hanno portato alla morte 60 persone, tra queste donne e un bambino di appena un anno e mezzo. Erano a bordo di un barchino, salpato dalla Libia, ed erano state avvistate anche da un elicottero che più volte li ha sorvolati senza prestare soccorso. E’ quello che hanno raccontato i circa 25 superstiti agli operatori della Ocean Viking nave della SOS Mediterranée che li ha tratti in salvo. Di fronte all’ennesima tragedia non del mare, ma causata dagli stati che difendono le frontiere a tutti i costi, leviamo le nostre voci in nome dell’umanità. Cosa che in queste ore stanno facendo i volontari di tutte le ONG di stanza nel Mediterraneo. Ci uniamoLeggi Tutto

Sviluppiamo il protagonismo e la reattività espressi nelle mobilitazioni pacifiste e contro la repressione poliziesca. Scendiamo in piazza il 9 marzo a Roma nella manifestazione promossa dalla Rete italiana Pace e Disarmo e dalla Cgil. A fianco dei popoli contro gli Stati oppressori, le guerre ed ogni tipo di terrorismo. Per la libertà, la pacificazione tra i popoli e il bene comune. Per l’immediato cessate il fuoco in Palestina ed Ucraina. A fianco del popolo palestinese e del popolo ebraico. Libertà subito per tutti gli ostaggi prigionieri di Hamas e per tutti i palestinesi detenuti nelle carceri israeliane. Stop al massacro genocida di bambini, donne e uomini palestinesi da parte dell’esercito israeliano. Stop all’utilizzo dei palestinesi come scudo umano da parteLeggi Tutto

Salutiamo positivamente la decisione della Cgil insieme a realtà dell’associazionismo e del pacifismo di convocare una manifestazione nazionale il 9 marzo a Roma per la pace, il cessate il fuoco, il diritto a manifestare contro la repressione poliziesca. La Comune sarà in piazza a fianco delle popolazioni per la pacificazione contro le guerre; per il cessate il fuoco in Palestina ed Ucraina; a fianco della popolazione palestinese e di quella ebraica contro Netanyahu che sta massacrando donne, bambini e civili palestinesi e inseparabilmente contro Hamas che ha ucciso civili, violentato donne e preso in ostaggio persone innocenti. Per il diritto di manifestazione ed espressione contro il governo della repressione e della guerra. Tutti in piazza il 9 marzo manifestazione nazionale aLeggi Tutto

Ousmane Sylla, un giovane di 22 anni proveniente dalla Guinea si è tolto la vita domenica 4 febbraio nel centro per il rimpatrio (cpr) di Ponte Galeria a Roma. E’ l’ennesima vittima della repressione statale, del razzismo e della disumanità di chi governa, che si accanisce in particolare contro gli immigrati. Era nel centro, come purtroppo tanti altri, senza aver commesso nessun reato, per il solo fatto di non avere i documenti. Un giovane, che ha superato pericoli immani per giungere qui, che sperava in una vita migliore, non ha retto alla violenza e alla barbarie di vedersi privato della propria libertà e costretto in condizioni disumane di prigionia. La nostra solidarietà e vicinanza va ai suoi cari e alla suaLeggi Tutto

Siamo a fianco dei popoli contro l’espandersi infernale delle guerre. Lottiamo contro il governo e lo Stato d’Israele che sta massacrando bambini, donne e uomini palestinesi ed inseparabilmente contro i terroristi di Hamas che hanno ucciso civili, violentato donne e preso in ostaggio persone innocenti. Sosteniamo invece i messaggi di speranza e di umanità che giungono da quelle minoranze coraggiose di ebrei e palestinesi che manifestano per la pace in Israele contro Netanyahu e a Gaza contro Hamas. Denunciamo la criminale aggressione di Putin all’Ucraina così come il bellicismo nazionalista di Zelensky sostenuto dalla Nato in un conflitto senza fine che ha già mietuto migliaia di vittime. Settori di sinistra, dalle diverse ideologie e pratiche, hanno posizioni simili alle nostre cheLeggi Tutto

MARTEDÌ 12 DICEMBRE Roma ore 17.30Casa de La Comune, via Tasso 144Genova ore 18vico San Matteo 10R MERCOLEDÌ 13 DICEMBRE Firenze ore 17.30Sala Carlotti del Circolo XXV aprile,via Bronzino 117Bologna ore 18.30Spazio La Comune,via Edera de Giovanni 18/1Bologna ore 18Bar Shisha Ice Caffè, via Zamboni 58ARoma ore 17.30Casa de La Comune, via Tasso 144Palermo ore 16Unipa viale delle Scienze, edificio 12,aula A04 GIOVEDÌ 14 DICEMBRE Roma ore 17.30Filt Cgil p.zza Vittorio Emanuele II 113Catania ore 17.30Comitato popolare Antico Corso Aps,via Torre del Vescovo 18AMilano ore 18.30SAMI, via Campiglio 13Sesto Fiorentino (FI) ore 20.30Casa del popolo di Quinto Altovia Gino Venni 8 VENERDÌ 15 DICEMBRE Torino ore 18Spazio comunaleex Venchi Unica, Salone 2piazza Massaua 17BFirenze alle ore 17.30La Comune, via Baracca 38/CCagliariLeggi Tutto

Sempre più maschi frustrati si scagliano con odio e violenza inaudita contro le donne, non tollerano la loro affermazione e indipendenza, la loro libertà e bellezza. È fondamentale fare leva sul protagonismo e la forza femminile per arginare la violenza ed imparare, assieme, a difendersi. LA LIBERTÀ DELLE DONNE È LA LIBERTÀ DI TUTTI ! Ogni donna deve poter scegliere liberamente su ogni aspetto della vita: su sentimenti, relazioni, sessualità, maternità e salute contro ogni logica del possesso e contro la cultura dello stupro, contro gli attacchi del governo Meloni e le prepotenze degli Stati tutti. Stop alla violenza sulle donne !Stop alle guerre e ai massacri ! La spirale della violenza maschilista e patriarcale, di cui donne e bimbi sonoLeggi Tutto