Porto di Salerno, luglio 2020: la dogana scopre 84 milioni di pasticche di Captagon e compie il più grande sequestro di anfetamine a livello mondiale. Jeddah, Arabia saudita, aprile 2021: 5 milioni di pillole sequestrate; Beirut, Libano, dicembre 2021: altri 9 milioni. Da anni ormai Siria e Libano stanno inondando il mondo con questa droga di facile e poco costosa produzione. Le ipotesi d’indagine vedono coinvolti ai vertici di questo narcotraffico uomini d’affari e di governo di Damasco, compreso un fratello di Assad. È una rapida ascesa che sta improntando l’economia e la vita stessa di un paese distrutto, svuotato e stremato dalla guerra: si calcola che i proventi da esportazione di Captagon siano 30 volte superiori a quelli della piùLeggi Tutto

I carri armati russi circolano per le strade deserte di Almaty. Il presidente Tokayev dà l’ordine ad esercito e polizia di sparare su qualunque assembramento senza preavviso. Da domenica 2 gennaio, il paese è quasi del tutto isolato: internet bloccata, linee telefoniche a singhiozzo, bancomat chiusi. Nonostante tutto, brandelli di notizie filtrano, e sono drammatiche: decine di morti, forse anche molti di più, centinaia di feriti e di arresti. Cosa accade in Kazakistan? Gli avvenimenti sono in pieno svolgimento, gli sviluppi imprevedibili. Ma sin d’ora è possibile e necessario uno schieramento a sostegno delle legittime aspirazioni di miglioramento di tante persone comuni che nei mesi scorsi – e con una accelerazione formidabile da domenica 2 gennaio – si sono mobilitate controLeggi Tutto

Theranos è un nome che fa tremare la Silicon Valley. È quello della start-up fondata nel 2003 da Elizabeth Holmes che avrebbe dovuto rivoluzionare il mondo della medicina: con una goccia di sangue, in pochissimo tempo una macchina avrebbe potuto realizzare fino a 240 diverse analisi. Una macchina portentosa e prodigiosa che semplicemente non funzionava. Ma alla quale hanno creduto tantissimi investitori – fra cui i nomi più noti dell’hi-tech – che hanno finanziato la Holmes per centinaia di milioni di dollari finché nel 2015 un articolo di The Wall Street Journal ha svelato la verità, facendo incriminare la tecno-truffatrice. In questi giorni è arrivata la sentenza: Elizabeth Holmes è stata condannata in California. Con questa vicenda, forse definitivamente, si èLeggi Tutto

Lunedì scorso Cina, Stati uniti, Russia, Gran Bretagna e Francia hanno rilasciato una inconsueta dichiarazione congiunta con l’obbiettivo di rassicurare l’opinione pubblica: “In una guerra nucleare non ci sono vincitori, non deve essere mai combattuta”; il comunicato continua dichiarando che bisogna prevenire la diffusione delle armi nucleari e che, finché queste continueranno ad esistere, dovrebbero servire a scopi difensivi, a scoraggiare l’aggressione e prevenire la guerra. Per dirla elegantemente: si tratta di un cumulo di fandonie, offensive della nostra capacità di intendere ma soprattutto pericolose ed inquietanti. Mentre rilasciano dichiarazioni contro l’utilizzo delle armi nucleari, le grandi potenze statali si tengono strette quelle che hanno (decine di migliaia) e ne confermano l’utilità “come deterrente”. E non stiamo parlando di minacce ipotetiche:Leggi Tutto

26 dicembre 2004, diciassette anni fa una tragedia immane colpisce una parte dell’Asia. Più di 300mila morti causati dallo tsunami e dalle responsabilità umane, che potevano evitare o limitare grandemente il numero delle vittime. In tempo reale Dario Renzi in “Il senso dell’umanità. L’impegno dopo lo tsunami”, edito da Prospettiva Edizioni, ne ricostruisce dinamiche e responsabilità, ma soprattutto prova a trarne lezioni per ripensare la vita. “Meditare sulla tragedia accende la memoria sulle traversie dei nostri simili nei secoli, insinua più che il sospetto la certezza intuitiva che tanti massacri potevano essere evitati. […] Giunge il momento di riconsiderare la storia, la nostra storia, il modo in cui l’avviciniamo, nelle poche certezze e nelle tante incognite che ci consegna. […] CominciareLeggi Tutto

Il secondo turno delle elezioni presidenziali ha portato con sé la buona notizia della sconfitta di José Antonio Kast, un reazionario nemico della libertà delle donne e degli immigrati, sostenitore della repressione statale. Sono state le elezioni con la più alta partecipazione, segno della volontà di tanti di fermare questo pericoloso personaggio: la sua vittoria avrebbe ingrossato il club dei presidenti neofascisti nel continente, al fianco di Bolsonaro, e avrebbe dato nuovo impulso a retrogradi e razzisti. Ciò non significa affatto che la politica democratica stia risolvendo la propria crisi. Il vincitore della competizione elettorale, Gabriel Boric, è un giovane socialdemocratico da tempo in trattative con il governo di centrodestra di Sebastián Piñera e con altre forze politiche tradizionali. È ancheLeggi Tutto

All’inizio di dicembre il presidente Putin ha ammassato decine di migliaia di soldati al confine con l’Ucraina,  con il pretesto di voler impedire il paventato ingresso dello Stato ucraino nella Nato con il conseguente  sganciamento di Kiev dalla storica dipendenza dalla Russia e il costituirsi di una minaccia nel “giardino di casa” del Cremlino. Una dimostrazione di forza diretta anche a fugare dubbi circa la capacità della Federazione russa di mantenere intatta e ferrea la propria influenza verso le repubbliche dell’ex Unione sovietica, scossa dalle recenti mobilitazioni popolari in Bielorussia. Stati Uniti e Ue denunciano le manovre militari di Mosca in nome della difesa della sovranità dello Stato ucraino e annunciano ritorsioni di carattere economico ma nascondono a fatica impaccio eLeggi Tutto

Negli scorsi mesi, su questo sito, abbiamo seguito con un forte sentimento di vicinanza le coraggiose lotte contadine che hanno attraversato uno dei più grandi e popolosi paesi del mondo. La buona notizia è che quelle lotte hanno vinto. Al centro della mobilitazione c’è stata la contrarietà al pacchetto di leggi del governo del reazionario Modi, mirante ad abolire il controllo pubblico sui prezzi dei prodotti agricoli con l’obbiettivo di attirare gli investimenti dei grandi gruppi finanziari ed espellere i piccoli contadini dalle terre favorendo la speculazione immobiliare. Secondo i sindacati, soprattutto negli Stati agricoli del nord come il Punjab e l’Uttar Pradesh, le riforme di Modi avrebbero causato meno ricavi e più perdite a favore del big business che puòLeggi Tutto

Alla faccia di chi vuole male alla “mamma” di Harry Potter. I festeggiamenti per il 20° anniversario dalla nascita della saga stanno raggiungendo risultati spettacolari al box office e negli eventi collaterali. Nonostante l’autrice JK Rowling sia bersaglio di un’odiosa campagna diffamatoria da parte di quei transattivisti che l’accusano di essere una “lurida terf”, ovvero una femminista che crede che le donne nate donne abbiano un’identità biologica e che “l’identità di genere percepita” sia un gran regalo al patriarcato. La scrittrice ha scritto parole coraggiose contro la cancellazione delle donne, a cominciare dalla parola women, reagendo all’obbrobrio della neo-lingua che le vuole neutralizzare chiamandole “persone con un buco davanti”. Si è schierata con calore a fianco di altre (autrici, docenti, storiche)Leggi Tutto

Quanto coraggio stanno dimostrando i manifestanti che si oppongono agli stragisti! Ancora martedì 30 novembre erano in decine di migliaia a sfilare per le vie di Khartum nonostante i colpi sparati con chiaro intento omicida da polizia, esercito e janjaweed che hanno dimostrato storicamente e più di recente tutta la loro ferocia. Il colpo di Stato di fine ottobre non è bastato ai militari per riprendere il controllo della situazione e così, dopo aver assassinato almeno una cinquantina di manifestanti nelle ultime  settimane, hanno scarcerato il presidente: mentre continuano a uccidere – perfino negli ospedali, come denuncia il Comitato medici sudanesi – fingono che sia ancora in corso una qualche “transizione democratica”; intanto, come ormai è consuetudine, lanciano al mondo minacceLeggi Tutto