Avevamo già saputo che Putin ha pescato tra i criminali comuni per sostenere lo sforzo bellico control’Ucraina. Ma ora emergono video di militari in mimetica e incappucciati che sequestrano per strada giovani uomini per la coscrizione forzata. Ciò avviene non nell’esercito russo, ma in quello ucraino. Inoltre, il governo di Zelensky ha chiesto agli Stati dell’Unione Europea l’estradizione dei giovani ucraini in età di leva fuggiti per sottrarsi alla guerra. Solo dopo che la notizia è diventata pubblica, Zelensky ha sostituito il capo dell’esercito, scaricando su di lui la responsabilità dei sequestri.Gli Stati, sia sotto il piccolo Zar autoritario che con il “campione della democrazia”, non si fanno problemi a togliere la libertà ai propri cittadini (e sacrificarli) per il loroLeggi Tutto

Tre anni dopo il colpo di stato, la popolazione soffre e resiste. Nonostante la durissima repressione scatenata dall’esercito, negli ultimi mesi esso ha perso il controllo di ampie fette di territorio a causa dell’offensiva combinata delle guerriglie separatiste e dell’opposizione democratica. Il Myanmar – la Birmania dell’epoca coloniale britannica – è un paese di oltre 50 milioni di abitanti che compongono un ricco mosaico etnico-linguistico e religioso segnato da discriminazioni contro le minoranze e da decennali lotte di autodeterminazione. La sete di libertà e le coraggiose mobilitazioni popolari (a più riprese soffocate nel sangue) avevano costretto la giunta militare ad alcune concessioni ma la breve parentesi democratica guidata da Aung San Suu Kyi non ha infranto i tradizionali assetti di potere:Leggi Tutto

Siamo a fianco dei popoli contro l’espandersi infernale delle guerre. Lottiamo contro il governo e lo Stato d’Israele che sta massacrando bambini, donne e uomini palestinesi ed inseparabilmente contro i terroristi di Hamas che hanno ucciso civili, violentato donne e preso in ostaggio persone innocenti. Sosteniamo invece i messaggi di speranza e di umanità che giungono da quelle minoranze coraggiose di ebrei e palestinesi che manifestano per la pace in Israele contro Netanyahu e a Gaza contro Hamas. Denunciamo la criminale aggressione di Putin all’Ucraina così come il bellicismo nazionalista di Zelensky sostenuto dalla Nato in un conflitto senza fine che ha già mietuto migliaia di vittime. Settori di sinistra, dalle diverse ideologie e pratiche, hanno posizioni simili alle nostre cheLeggi Tutto

Grandi manifestazioni anti-naziste hanno percorso negli ultimi giorni la stragrande maggioranza delle città tedesche con alcune centinaia di migliaia di persone a Berlino e Monaco e grande partecipazione persino in varie zone dove è più radicata l’AfD (Alternative für Deutschland), il partito parlamentare di riferimento per ampi settori dell’estrema destra. A scatenare le proteste sono state le rivelazioni del giornale Correctiv su una riunione segreta nel novembre scorso in cui si è discusso di un piano generale per la deportazione di immigrati, stranieri e soggetti “non assimilati” da realizzare attraverso un prossimo governo di estrema destra. Particolare sdegno ha suscitato il luogo della riunione non lontano dal Wannsee, dove nel gennaio del 1942 il regime nazista decise la “soluzione finale” neiLeggi Tutto

La paventata escalation è sotto gli occhi di tutti: la guerra si espande nel Vicino e nel Medio Oriente seminando morte e distruzione, proiettando scenari e conseguenze sul resto del mondo. L’epicentro è a Gaza, dove l’esercito israeliano conduce senza sosta una pulizia etnica contro la popolazione palestinese che ha già causato oltre ventimila vittime, tra le quali un numero altissimo di bambini e di neonati. Ma il conflitto è ormai ampiamente tracimato oltre i suoi confini iniziali e investe l’intera regione. Negli ultimi giorni la crisi si è ulteriormente aggravata, estesa e complicata. Sul fronte libanese, a causa dell’attentato mirato con cui Israele ha ucciso Saleh al Arouri, esponente di primo piano di Hamas, e della puntuale risposta di HezbollahLeggi Tutto

In Bangladesh tanti lavoratori tessili stanno lottando per la loro vita, la dignità e i diritti. Con stipendi da fame pari ad 80 euro al mese (8000 taka), in maggioranza donne, ma anche uomini e adolescenti, vivono condizioni di supersfruttamento, ingaggiati da multinazionali come H&M, Zara o altre, che guadagnano miliardi di euro vendendo i loro prodotti nei mercati dei Paesi ricchi. Gli scioperi sono cominciati in modo spontaneo all’inizio di novembre e hanno visto la partecipazione di migliaia di lavoratrici e lavoratori. La politica,in particolare dei gruppi nazionalisti e fondamentalisti islamici, ha cercato di strumentalizzare queste lotte (in Bangladesh a gennaio si terranno le elezioni) nelle quali la repressione del governo, sostenuta e foraggiata dalle organizzazioni dei padroni, è stataLeggi Tutto

A seguito del dialogo con alcune e alcuni ispiratori della Corrente umanista socialista nel merito dell’articolo pubblicato il 10 ottobre su Lacomuneonline mi sono reso conto che in due punti del testo possono esserci giudizi che potrebbero apparire troppo generali sulla guerra. Ciò non corrisponde in primo luogo al mio pensiero. Infatti, per quanto riguarda la guerra e il terrorismo, essi sono fondativi degli Stati e dell’oppressione, ed è indispensabile riaffermare – come è già nel testo – la nostra più ferma condanna e ripudio. Ma è necessario aggiungere una chiarificazione. Nel corso della vicenda umana, anche la più recente, vi sono stati casi in cui è stato necessario e addirittura giusto prendere parte ad una guerra, ricorrendo alla lotta armataLeggi Tutto

Le guerre infuriano nel pianeta e si alimentano l’una con l’altra. Il conflitto esplode nuovamente in Israele e in Palestina mietendo centinaia di vittime innocenti e ferendo migliaia di civili sia israeliani che palestinesi. Hamas ha lanciato migliaia di missili contro i territori israeliani mentre i suoi miliziani hanno fatto incursioni in diverse località uccidendo persone innocenti e prendendo ostaggi, facendo scattare, come era prevedibile, la feroce reazione di Israele. I due contendenti, pur nella sproporzione di forze per la netta superiorità militare di Israele, sono mossi dalla stessa logica bellica. Lo Stato sionista con le sue storiche responsabilità di aver usurpato e occupato le terre palestinesi, sostenuto dall’Occidente democratico; l’autocrazia di Hamas con la sua considerazione cinica della stessa popolazioneLeggi Tutto

Siamo solidali con tutte le vittime del terremoto in Marocco e dell’alluvione in Libia, siamo al fianco dei loro cari e dei sopravvissuti per una ripresa della vita degna. Finora il bilancio delle vittime in Marocco sarebbe salito a 3 mila persone, mentre in Libia l’alluvione del territorio di Derna vede purtroppo 5 mila morti accertati e oltre 10 mila le persone disperse. Quello che emerge con chiarezza è che, a causa delle condizioni di vita difficili a cui sono sottoposte le popolazioni, le calamità naturali, sempre di più dovute al terricidio in atto, divengono tragedie umane enormi. In Marocco i tanti morti sono stati causati soprattutto da condizioni abitative disumane e in Libia due dighe ormai fatiscenti a poca distanzaLeggi Tutto

L’assassinio, con un colpo a bruciapelo da parte di un agente di polizia, di Nahel un giovane diciassettenne di seconda generazione non è un incidente isolato né un fatto casuale.Negli ultimi anni decine di giovani figli di immigrati che vivono nelle banlieues francesi sono stati uccisi da una polizia sempre più violenta, impregnata di razzismo ed impunita.All’indomani dell’assassinio e per numerosi giorni i quartieri periferici di Parigi ma anche numerose altre città francesi e persino il centro della capitale sono stati teatro di durissimi scontri tra la polizia e giovanissimi, saccheggi ed incendi di vetture, di edifici pubblici e centri commerciali.Le reazioni di Macron e del suo governo sono state caratterizzate da una volontà di scontro frontale, dall’incapacità di una minimaLeggi Tutto