Cagliari, Sardegna. Nell’isola ci sono più di 35 mila ettari di territori occupati da servitù militari. A questa già grave situazione si aggiunge una notizia di questi giorni: esercitazioni militari in mare, terra e aria, tali da poter far diventare l’intera isola un baricentro internazionale per la presenza di imponenti e prepotenti navi da guerra della Nato di varie nazionalità, arerei radar, caccia e altro. Per poter garantire queste operazioni il Ministero della Difesa ha emanato un’ordinanza con cui vieta il transito, la sosta , la navigazione e qualsiasi attività in mare, incluso di pesca, nelle aree interessate, alcune delle quali sono fra le più belle dell’isola, come Sant’Antioco, Chia, Nora, Poetto di Cagliari e altre. “In questi giorni al portoLeggi Tutto

La guerra che Putin ha scatenato contro le popolazioni ucraine e la prepotenza della Nato che la alimenta ulteriormente, fanno sì che milioni di persone sono costrette a fuggire mentre altre muoiono sotto le bombe. È uno scenario che conosciamo bene essendo un’associazione di gente che viene da tante parti del mondo e sa bene cos’è la guerra. Essere oggi a fianco della gente ucraina significa per noi essere solidali anche con le vittime delle tante guerre che ci sono nel mondo e che vengono purtroppo dimenticate. Dallo Yemen, alla Siria, dal Kashmir al Sudan, all’Afghanistan, al centro Africa, la nostra vita è minacciata da guerre e conflitti spaventosi. In occasione del primo maggio, vogliamo unirci da fratelli e sorelle nell’umanitàLeggi Tutto

Il 26 febbraio scorso a Bergamo, in un presidio dove erano presenti oltre 1000 persone, settori reazionari e nazionalisti ucraini hanno aggredito un compagno de La Comune che era presente nella manifestazione e poi si sono rivolti alle forze dell’ordine presenti in piazza per impedirgli, ovviamente senza riuscirci, di diffondere il nostro volantino. Questi settori, esplicitamente a favore della Nato, hanno di fatto provato a riempire il presidio di contenuti e di forme antitetiche alla lotta per la pace da condurre in questo momento, provocando il disagio e la reazione anche di altre forze pacifiste presenti in piazza, con le quali noi de La Comune ci siamo uniti per denunciarne l’operato.Leggi Tutto

Siamo in uno dei quartieri più martoriati dal crollo del Ponte Morandi e come se non bastasse dove si sta discutendo il trasferimento di depositi chimici. Una maestra e una mamma del comitato della scuola Firpo espongono i cartelli disegnati dai bimbi preoccupati per il proprio quartiere e del loro futuro. Un’immagine significativa della pericolosa minaccia che la Digos deve aver riconosciuto in quel pacifico presidio per intervenire trattenendo i documenti delle protagoniste e facendo staccare i cartelli proprio pochi minuti prima del passaggio di Draghi.  Tutto compreso nel tanto decantato “Modello Genova”.Leggi Tutto

Anche in Italia, come in altri paesi europei e dell’Asia e per l’ennesima volta,negli allevamenti di polli e tacchini è esplosa la febbre aviaria. Quest’anno è arrivata a ottobre, in anticipo rispetto agli anni precedenti. Sono stati già più di 15 milioni gli uccelli abbattuti tra Veneto e Lombardia, dove si produce la maggior parte della carne avicola del nostro Paese. Tante aziende hanno deciso di innalzare muri perimetrali intorno ai capannoni dove sono allevati gli animali per evitare il contatto con la fauna esterna. Questa malattia virale affligge da decenni gli allevamenti di polli e tacchini in tutto il mondo. Si sono già verificate delle mutazioni che in passato hanno colpito anche le persone, soprattutto nelle regioni dell’Indocina, soprattutto leLeggi Tutto

“La mia leadership non dipende dalle carte bollate” disse l’ex-Avvocato del Popolo nonché ex-Punto di riferimento del Campo dei Progressisti, Giuseppe Conte dopo che l’annullamento da parte del tribunale di Napoli, in base all’esposto di un iscritto dei M5S, delle modifiche allo Statuto e quindi dell’elezione di Conte stesso a capo politico. È vero, la sua leadership non dipende dalle carte bollate o, meglio, non solo: dipende da cosa dirà il garante e proprietario del marchio Grillo che, per ora, ha frenato le sue reazioni, dalle manovre di Di Maio che cerca di riprendere la guida del “movimento” e, forse, lavora per un’intesa con settori del centro-destra, da se e come si riannoderanno i rapporti con la web-dinasty Casaleggio (una delleLeggi Tutto

… e sono dell’idea che nel momento in cui una donna lotta per se stessa, in realtà lo fa anche per tutte le altre” Con queste parole e con commozione, Natalia è intervenuta al sit-in organizzato dalle sue coetanee e coetanei dell’università di Cagliari, davanti alla mensa universitaria, zona isolata, in cui era stata aggredita da uno sconosciuto **. Tanti gli interventi, autentici, soprattutto di giovani donne, si è respirato calore umano. Con i miei compagni de La Comune, abbiamo portato solidarietà e il nostro contributo, con le nostre idee, con un volantino -vedi sotto- e con La Comune. Abbiamo conosciuto lei, altre persone, la sua mamma e Chiara. Una donna che in questi ultimi anni, mossa dalla ricerca della suaLeggi Tutto

Nella trasmissione “Mi Manda Rai3” del 16 gennaio è stata denunciata la situazione drammatica del Cardarelli di Napoli e in particolare la situazione del pronto soccorso. Per carenza di personale, questa unità di emergenza viene aperta a giorni alterni. Nel servizio, inoltre, si intervistavano alcuni operatori sociosanitari (OSS) dell’ospedale Del Mare, sempre a Napoli. A ben75 di loro non è stato rinnovato il contratto e da novembre nessuno è stato richiamato. Il servizio giornalistico ha correttamente descritto la situazione; non altrettanto si può sostenere rispetto alle dichiarazioni del sottosegretario al ministero della salute Andrea Costa che, nella stessa trasmissione, sosteneva esserci una difficoltà a reperire personale. Costa ha anche detto che tra gli infermieri ci sarebbe stato un incremento di assunzioniLeggi Tutto

Da tempo è iniziato il toto-presidente della Repubblica con trattative, scontri, candidature. Secondo i loro dettami il capo dello Stato deve essere una figura di grande levatura morale. Ecco allora spuntare un nome nuovo: Silvio Berlusconi è per ora il candidato ufficiale delle destre.  Ebbene sì, l’intramontabile cavaliere in effetti ha un curriculum perfetto per essere presidente di questa Repubblica: condannato per frode fiscale, ha usufruito di otto prescrizioni e sono aperte ancora indagini su di lui come quella per la strage dei Georgofili a Firenze. Insomma quale candidato più ideale e rappresentativo per essere il presidente delle Repubblica della corruzione e delle stragi impunite? E poi Silvio il “puttaniere” ne può ben rappresentare il carattere maschilista e patriarcale, tratto unificanteLeggi Tutto