Lorenzo Parelli ha 18 anni e vive a Udine. Frequenta l’ultimo anno di scuola superiore in cui viene addestrato a fare un lavoro. È l’ultimo giorno dello stage, che sta svolgendo in fabbrica. Il suo rientro a scuola è previsto per il lunedì successivo. Dopo, la maturità e, chissà, un lavoro. Invece una putrella lo travolge e lo uccide. Il tragico stillicidio di morti sul lavoro – più di tre al giorno – questa volta colpisce uno studente. In questa terribile vicenda, che ci addolora profondamente, si concentra tutta la differenza che esiste tra insegnare, educare, poter imparare tante cose, tra cui anche un lavoro, e invece addestrare, istruire a nozioni, rispondere a comandi ed eseguire compiti. Nel primo caso alLeggi Tutto

Che il governo non abbia fatto nulla per rendere sicura la scuola di Stato è notorio: strutture e spazi inadeguati, carenza endemica di personale, mezzi pubblici in cui è impossibile garantire la distanza interpersonale di sicurezza… Aggiungeteci pure la conferma cinica e irresponsabile del numero massimo di alunni per classe (altro che riduzione!). Eppure qui si va oltre: riaprire le scuole in queste condizioni con i dati attuali di contagio e la maggiore trasmissibilità della variante omicron è criminale, e l’esperienza della vicina Francia che ha riaperto una settimana fa ne è la dimostrazione. Il governo non sente ragioni: non solo ignora olimpicamente la richiesta di proroga della riapertura delle scuole da parte di decine di migliaia di docenti, ma addiritturaLeggi Tutto

Dicembre 2021, i dati della pandemia riprendono a crescere, le scuole sono aperte e auspichiamo continuino ad esserlo perché due anni di DAD hanno fatto danni non facilmente riparabili. Ma in nel frattempo nulla è cambiato in meglio per quanto concerne la situazione in cui versa la scuola. Edifici spesso fatiscenti, aule troppo piccole e raramente ben areate, gruppi classe ancora una volta troppo numerosi, dispositivi di protezione per alunni e insegnanti lesinati e spesso di scarsa qualità, lungaggini delle ASL nei tamponi e tracciamenti mai veramente realizzati, assenza di personale sanitario dedicato ai plessi scolastici.   Questo il quadro in cui chi lavora negli istituti scolastici sta provando a garantire la scuola in presenza.   Con responsabilità insegnanti e personale AtaLeggi Tutto

La arrogante contrapposizione del governo Draghi a soddisfare le più elementari esigenze contrattuali, didattiche e sanitarie di chi lavora nella scuola e quindi anche di chi la frequenta è talmente evidente che persino i sindacati detti “maggiormente rappresentativi” (di chi?) hanno indetto uno sciopero per il 10 dicembre. Ma come al solito su contenuti annacquati e generici. Per la stessa data anche i Cobas e la Cub scuola, con il sostegno di Unicobas, hanno chiamato allo sciopero. Contenuti chiari, con al centro la riduzione drastica di alunne e alunni per classe, la conseguente richiesta di assunzione di personale precario, congrui aumenti retributivi, opposizione all’autonomia regionale che porterebbe a condizioni ancora peggiori le scuole delle regioni più povere. Il tutto rivendicando l’importanzaLeggi Tutto