Libertà di crescere Libertà di amare Libertà di adottare Tante bimbe e tanti bimbi hanno bisogno di essere accolti, amati, curati, accompagnati nella crescita e adottati. Tante donne vorrebbero esprimere il loro sentimento materno e le loro capacità di cura e anche diversi uomini sensibili intendono donare una vita diversa a questi bambini, ciascuno facendosi sostenere dai propri affetti. Tutto questo è ostacolato concretamente dagli Stati, razzisti, patriarcali e omofobi, che con le loro leggi e le loro istituzioni decidono sulla vita di grandi e piccoli, impedendo la libera costruzione di legami affettivi. Mentre cerchiamo strade creative per offrire la nostra accoglienza, sentendo nostre e nostri le bimbe e i bimbi di tutta la famiglia umana, uniamoci in una battaglia cheLeggi Tutto

Fratelli e sorelle immigrati sospinti dalla voglia di vivere fuggono da guerre, disastri ambientali, terrorismo e miseria: drammi di cui l’occidente democratico è in gran parte responsabile.Contro questa gente inerme che cerca salvezza si accaniscono gli stati europei e il governo italiano, razzista e reazionario, con muri e fili spinati, respingimenti e rimpatri: è in atto uno spaventoso salto di qualità nella sporca guerra contro gli ultimi.Il governo Meloni, nel suo incedere brutalmente repressivo – che calpesta persino i propri stessi principi costituzionali – minaccia l’invio di navi militari per bloccare le partenze e decide di prolungare a 18 mesi la reclusione in centri per il rimpatrio di persone che non hanno commesso alcun reato: è disumano! Loro, i potenti dellaLeggi Tutto

Migliaia di bimbi, donne, uomini stanno fuggendo da guerre, terrorismo, terremoti, inondazioni e dalla miseria provocata dal cinismo degli Stati cercando di affermare la vita, il più elementare dei diritti. Ci sono diversi esempi, come a Lampedusa, di slancio solidale di persone che offrono cibo, ristoro e accoglienza, oltre all’impegno delle Ong e di tanti volontari. Al contrario il governo Meloni risponde con l’unica ricetta che conosce quello della violenza e della repressione. Lo fa contro i giovani, le donne, le persone più povere e disagiate e soprattutto contro i fratelli e le sorelle immigrate. Il governo ha annunciato misure che prevedono un’ulteriore militarizzazione delle coste, l’istituzione di campi di detenzione ed un ulteriore giro di vite repressivo. Il loro incedere,Leggi Tutto

Siamo solidali con tutte le vittime del terremoto in Marocco e dell’alluvione in Libia, siamo al fianco dei loro cari e dei sopravvissuti per una ripresa della vita degna. Finora il bilancio delle vittime in Marocco sarebbe salito a 3 mila persone, mentre in Libia l’alluvione del territorio di Derna vede purtroppo 5 mila morti accertati e oltre 10 mila le persone disperse. Quello che emerge con chiarezza è che, a causa delle condizioni di vita difficili a cui sono sottoposte le popolazioni, le calamità naturali, sempre di più dovute al terricidio in atto, divengono tragedie umane enormi. In Marocco i tanti morti sono stati causati soprattutto da condizioni abitative disumane e in Libia due dighe ormai fatiscenti a poca distanzaLeggi Tutto

Alziamo la testa e lottiamo per la nostra umanità.Per l’umanità che vuole amare ed essere amata con rispetto e si ribella all’odio patriarcale,maschilista, omofobo e transfobico alimentato dai poteri oppressivi e riproposto dai loro servi.Per l’umanità che vuole vivere libera e non si arrende di fronte agli attacchi dei governi reazionari,come quello italiano che colpisce i diritti di chi è fuori dalla bieca “norma-lità”.Per l’umanità volenterosa che, a cominciare da tante donne, reagisce alle violenze e all’oppressionepiù feroce e continua a difendere la vita propria e altrui, e in primis la vita dei più piccoli.Per quell’umanità giovane che vuole vivere pienamente e felicemente, non essere annichilitadall’abuso dei social né essere svilita dagli abusi di cui i social sono pieni.Per l’umanità inLeggi Tutto

Siamo vicini alle persone colpite dalle alluvioni che stanno ferendo così duramente l’Emilia Romagna, ai loro cari e ai volontari che generosamente si stanno attivando. Tanti giovani si sono autorganizzati senza attendere la Protezione Civile mostrando il carattere umano della solidarietà e una possibile strada per reagire assieme. Ad oggi sono 14 le vittime, migliaia gli sfollati e i danni incalcolabili. Governo e istituzioni statali affollano i media per vantarsi della propria efficienza e rassicurare che tutto verrà ricostruito. Non arretrano dalla loro disumana idea di progresso, vogliono ritornare a quella stessa normalità che ha aggravato così a dismisura le conseguenze della pioggia intensa. Da molto tempo gli scienziati migliori stanno denunciando che fenomeni metereologici sempre più estremi non saranno piùLeggi Tutto

Circa 250 sono questa volta le persone coinvolte nel naufragio. Di queste, un’ottantina sono state salvate e già oltre 70 sono i corpi recuperati, tanti altri risultano dispersi. Sentiamo dolore per i  tantissimi bambini, donne e uomini, morti ancora una volta in mare. Siamo con i sopravvissuti, che meritano una vita degna: vanno salvati e accolti. Siamo indignati contro chi governa che, mentre compartecipa alle guerre nel mondo, impedisce a chi fugge di salvarsi. La gente a bordo del barcone distrutto dalla furia del mare – già avvistato da Frontex il giorno prima – proveniva da Afghanistan, Iran, Pakistan, ed era partita dalla Turchia, luoghi martoriati da violenze enormi e tragedie immani. Diciamo basta all’ipocrisia di chi governa che è primoLeggi Tutto

Alla Geo Barents, nave di Medici Senza Frontiere, è stato imposto un fermoamministrativo da parte della capitaneria di porto di Ancona (dove avevanoprecedentemente accompagnato 48 naufraghi) col pretesto di non aver condivisoinformazioni. È ciò che prevede il nuovo decreto del governo. Adesso la nave sitrova nel porto di Augusta, in Sicilia, dove rimarrà bloccata per 20 giorni. A causa diquesta e altre azioni governative, ad oggi, nessuna nave di ricerca e salvataggio delleONG è presente nel mar Mediterraneo. Il governo riesce nel suo intento: impedireall’umanità di salvarsi e alle ONG di poterla aiutare, mentre l’Europa decide diinnalzare nuovi muri.Ora basta! Non possiamo permettere che le autorità statali e governative impediscanoi soccorsi in mare: rompiamo il silenzio e l’indifferenza complici di tuttoLeggi Tutto