Domenica 11 luglio si sono moltiplicate mobilitazioni ampie e spontanee come non si vedevano da decenni: migliaia di persone in diverse città in tutta Cuba, gente comune, molti giovani che hanno gridato “Libertà”, “Non abbiamo paura” e che hanno cantato “Patria e vita”, canzone simbolo della protesta che rovescia ironicamente il retorico e strumentale slogan di regime di Fidel Castro “patria o morte”. Molti sono i motivi: la crisi economica, i blackout della rete elettrica, la mancanza di medicine e vaccini in tempi di pandemia, le misure asfissianti e la repressione del governo di Miguel Diaz Canel. Ma in primo luogo le manifestazioni esprimono nitidamente un anelito di libertà, la denuncia delle diseguaglianze e il rifiuto popolare del regime. Nonostante ilLeggi Tutto

Da quando è tornato al potere nel 2007, Daniel Ortega – antico leader del Fronte Sandinista di Liberazione Nazionale (FSLN) – si è evidentemente riproposto di non lasciarlo mai più. Da allora, quel paese centroamericano tanto colpito è passato dall’essere una democrazia rachitica, corrotta e violenta ad una dittatura autoritaria ed assassina con una spolverata di democrazia. A novembre si terranno le elezioni presidenziali, più simili però ad uno scherzo di cattivo gusto: il governo ha modificato le leggi per mantenere sotto il proprio controllo il meccanismo elettorale, ha proibito il finanziamento degli altri partiti politici, manda la polizia a sciogliere con la forza le loro manifestazioni, ne annulla le candidature. Ortega ha recentemente fatto incarcerare i cinque candidati di opposizioneLeggi Tutto

Nel paese latinoamericano è stato ufficialmente riconosciuto che il numero di decessi causati dal coronavirus è in realtà il triplo rispetto a quanto finora ammesso; di conseguenza, il Perù è il paese al mondo con il più alto numero di morti in proporzione ai suoi abitanti. In questo drammatico contesto, il 22 maggio scorso si sono svolte a Lima e in altre città importanti mobilitazioni contro Keiko Fujimori, candidata della destra alle prossime elezioni del 6 giugno. Cortei animati da studenti, lavoratori, organizzazioni femministe, associazioni culturali e delle vittime della dittatura di Alberto Fujimori, padre di Keiko, attualmente in carcere per violazione dei diritti umani. Nel decennio della sua presidenza (1990-2000) vi furono decine di migliaia di omicidi e di sparizioniLeggi Tutto

Una trentina di morti, aggressioni e arresti ovunque, colpi di arma da fuoco, denunce di sparizioni. “Ci stanno uccidendo”, affermano i manifestanti, tra cui molti e molte giovani, che da giorni si mobilitano contro la gestione governativa dell’emergenza sanitaria. Colpisce e scandalizza il livello di violenza criminale della polizia e dell’esercito agli ordini del presidente Iván Duque, complice e seguace di Álvaro Uribe, lider della destra colombiana e anch’egli criminale democratico responsabile di migliaia di morti innocenti dietro il pretesto della lotta contro le guerriglie.La Colombia è un paese storicamente segnato dalla violenza: delle forze repressive statali, dei paramilitari e delle guerriglie del narcotraffico; non sorprende che la principale risposta dello Stato di fronte alla protesta sia la violenza, che svelaLeggi Tutto

Da settimane, la produttrice artistica Carolina Barrero è perseguitata dai servizi di sicurezza del regime cubano semplicemente per aver stampato alcuni disegni raffiguranti José Martí (eroe nazionale nell’Isola, ndt) con la scritta “Ho due patrie: Cuba e la notte. O è una sola?”. Lo scrittore Carlos Manuel Álvarez è riuscito a raccontare ai mezzi di informazione internazionali gli incredibili interrogatori cui è stato sottoposto. Una canzone intitolata “Patria e Vita” composta da alcuni musicisti cubani è stata contestata dal regime quasi fosse un affronto mortale contro il paese e la sua storia. Sono solo alcuni esempi di intimidazione poliziesca e governativa contro persone coraggiose intenzionate a reclamare una maggior libertà di espressione nell’Isola. Una volta di più appare evidente il carattereLeggi Tutto

Il Perù è uno dei paesi più colpiti dal coronavirus con il più alto tasso di mortalità al mondo. Ciò è dovuto anche alle ingiustizie e alle disuguaglianze della democrazia corrotta e razzista, incapace di comprendere i bisogni della popolazione. Le drammatiche condizioni di vita cercano di essere risolte da molteplici iniziative di solidarietà, molte delle quali hanno come protagoniste le donne. Esemplari sono le mense popolari nei quartieri del sud di Lima e nelle città andine. Come a New Inca City, dove un gruppo di donne della comunità ha istituito la “Pentola di solidarietà”, che opera grazie all’aiuto di donazioni e all’impegno dei volontari. Come questa ci sono molte altre mense comunitarie organizzate spontaneamente in tutto il Perù che richiedonoLeggi Tutto

A causa del disastro cronico delle condizioni di vita in Venezuela, così come la decomposizione e la violenza sociale, la maggior parte delle persone che decidono di emigrare (più di cinque milioni negli ultimi anni) lo fanno a piedi, percorrendo necessariamente enormi distanze. Una parte sempre più crescente di persone scelgono di attraversare, con imbarcazioni spesso precarie, i pochi chilometri del Mar dei Caraibi che separano il paese dall’isola di Trinidad e Tobago. Ma non tutti ci riescono: a dicembre una di queste imbarcazioni è naufragata e 28 persone hanno perso la vita ed i loro corpi sono stati ritrovati sulle rive del villaggio di Goiria (Venezuela). Spesso, coloro che sopravvivono alla traversata vengono arrestati dalle autorità trinitiane e subito deportati,Leggi Tutto

Il Movimento San Isidro di Cuba è composto da artisti e intellettuali dal 2018 organizzati contro le politiche ufficiali di limitazione e di controllo sull’arte. Alla fine di novembre hanno cominciato uno sciopero della fame contro la detenzione del rapper Denis Solís. Di fronte alla repressione poliziesca numerosi artisti, personalità della cultura e persone solidali hanno reagito manifestando di fronte al Ministero della Cultura all’Avana e costringendo le autorità ad ascoltare le giuste richieste di maggior libertà di espressione. Subito dopo, però, l’apparato di sicurezza ha cominciato a crear problemi agli artisti impedendo loro di uscire di casa: metodi ben conosciuti dalle Damas de Blanco (le Signore in Bianco, movimento di protesta dei familiari di detenuti per reati di opinione, ndt),Leggi Tutto

Proseguono le manifestazioni antirazziste dopo che giovedì scorso – proprio alla vigilia del Giorno della Coscienza nera – João Alberto Freitas, un afrobrasiliano di 40 anni è stato ucciso da alcuni bianchi, guardie della sicurezza in un Carrefour di Porto Alegre. All’omicidio hanno risposto importanti mobilitazioni di fronte ai supermercati di differenti città al motto di “Le vite dei neri contano”: le persone solidali e antirazziste non hanno tardato ad associare questo crimine con quello recente di George Floyd e di altri negli Stati Uniti. Il problema del razzismo in Brasile, sempre più normale con il crescere della disgregazione sociale, è stato generalmente nascosto dietro al mito della “democrazia razziale” creato per ricondurre la grande varietà etnica esistente nel paese all’internoLeggi Tutto

Evo Morales rientra in Bolivia dopo l’allontanamento forzato dal potere dello scorso anno. Nonostante egli sia ancora un imbolo e una figura di peso in settori popolari, la situazione per lui non è così favorevole come potrebbe sembrare a prima vista. Le elezioni dello scorso 18 ottobre hanno assegnato una vittoria schiacciante alla sinistra del MAS (Movimento al socialismo, ndt) con oltre il 55% dei voti espressione del rifiuto, da parte della maggioranza della popolazione, nei confronti della borghesia razzista e antipopolare al governo, responsabile di grandi sofferenze durante l’emergenza sanitaria. Tuttavia ciò non va interpretato come una vittoria o una totale riabilitazione della figura di Morales, dirigente storico del MAS. Il gran flusso di voti ricevuti da questo partito siLeggi Tutto