Forse Louijain al Hathloul dalla sua cella sentirà il clamore degli spettatori o il rombo dei motori della Parigi-Dakar, la corsa di rally automobilistico più famosa al mondo. Forse nemmeno quello. Perché la corsa, trasferita in Arabia Saudita, passerà in questi giorni a poche centinaia di metri dal carcere ove è rinchiusa. Lei e altre donne sono tuttora detenute, sottoposte a torture e abusi sessuali, dopo essere state arrestate nel 2018 perché hanno rivendicato il diritto di poter guidare un’auto, cosa sino allora vietata dal regime iperpatriarcale e nazistoide della dinastia Saud. Nel chiamare al boicottaggio della corsa, Lina, sorella di Louijain, denuncia il regime e il “riformatore” Mohammed bin Salman che hanno organizzato questo e altri eventi sportivi – supercoppe,Leggi Tutto

“Puoi essere libera a condizione che dichiari di non aver mai subito torture durante la prigionia”: questa la proposta fatta dalle autorità dell’Arabia Saudita a Loujain al Hathloul. Arrestata e detenuta dal 2018 per “aver contattato organizzazioni internazionali”, Loujain è una giovane attivista per i diritti e le libertà delle donne ed è stata tra le prime donne a guidare un’auto e sfidare così i divieti – in un paese oppresso da una dittatura iperpatriarcale e ultrarazzista di stampo fascistoide. La sua sorte è condivisa da diverse altre donne che sono in carcere e sottoposte a torture e abusi. Loujain ha rifiutato quell’oscena proposta di “libertà” ed ha iniziato uno sciopero della fame per protestare contro il divieto di mantenere contattiLeggi Tutto

Aung San Suu Kyi ha ricevuto nel 2012 il Nobel della Pace, è stata simbolo della “resistenza pacifica ” e icona del ritorno della Birmania alla democrazia dopo la dittatura militare: ora trionfa di nuovo nelle seconde elezioni dell’era democratica svoltesi domenica 8 novembre. La “orchidea di ferro”, come viene soprannominata, ha nello stesso tempo difeso – e tuttora difende – le feroci persecuzioni e pogrom dei militari contro la minoranza musulmana dei rohingya, sottoposti ad un vero e proprio tentato genocidio. Nel 2017 in ben 900.000 sono stati costretti a rifugiarsi in Bangladesh, ove vivono in condizioni disumane nei campi profughi. Naturalmente non hanno potuto votare, né loro né i rohingya rimasti in Birmania e sottoposti a persecuzioni: Suu KyiLeggi Tutto

17 milioni di visoni saranno abbattuti in Danimarca, uno dei principali esportatori di queste pellicce: il Covid-19 con una mutazione ha contagiato gli animali negli allevamenti e fatto il temuto salto di specie (spillover), infettando anche alcune persone. La notizia, con le sue drammatiche conseguenze immediate (per i poveri animali) e i pericoli potenziali (per gli umani), dovrebbe far riflettere sui danni e sul pericolo che rappresenta quella orrenda “megafabbrica” di carni, pelli, etc che è l’allevamento intensivo, cioè la tortura e la macellazione di una quantità inimmaginabile di animali. Questa catena di produzione e consumo nelle mani dell’agro-business internazionale rappresenta un mostruoso ed inedito livello di distruzione e scempio della natura. Si calcola che la biomassa dei mammiferi d’allevamento siaLeggi Tutto

Tra le multinazionali e imprese farmaceutiche c’è una frenetica concorrenza per mettere a punto un vaccino per il Covid-19. Per loro è un business di enormi proporzioni. Per noi c’è la speranza che arrivi il prima possibile, visto che la pandemia è in pieno sviluppo su scala mondiale e ha già raggiunto – secondo le stime ufficiali – oltre 9 milioni di contagi e quasi mezzo milione di vittime. C’è una competizione accanita anche tra gli stati, soprattutto i più ricchi: per stringere accordi con le imprese più accreditate e garantirsi per primi – ciascuno per sé, naturalmente – le dosi di vaccino sufficienti. L’”America first” trumpiana vale un po’ per tutti, insomma. La pandemia – così come il riscaldamento climaticoLeggi Tutto

Lo si vede dai filmati, dai video e dai telegiornali: negli Usa i protagonisti delle principali mobilitazioni contro il razzismo sono stati tanti giovani, donne e persone comuni, afroamericani, ispanici, bianchi – tante diversità e colori insieme per affermare giustizia e libertà contro razzismo e violenze poliziesche. In questo emergere di umanità unita e differente c’è l’indizio di un possibile principio da riconoscere, coltivare, sviluppare per farne cultura di una vita migliore: una comune umanità differente. Siamo tutti umani e siamo tutti differenti sia quale sia la comunità di cui si è parte, le scelte personali e culturali, il colore della pelle: dovremmo poter riconoscere questa realtà umana per farne motivo di una possibile convivenza benefica e pacifica fuori e controLeggi Tutto

Le condanna da parte di diverse star di Bollywood dell’assassinio di George Floyd e del razzismo ha suscitato legittime polemiche in India. Gli è stato contestato di aver sinora taciuto sui tanti episodi di violenza razzista in patria, ad alcune attrici di aver fatto spot pubblicitari di creme per sbiancare la pelle, in un paese in cui la pelle scura è vista come tipica delle caste basse o dei “fuoricasta”, dei dalit (“oppressi”), come vengono chiamati oggi con il politically correct, ieri “paria”, “intoccabili”. E’ troppo facile essere contro il razzismo negli Usa e tacere sul razzismo e le discriminazioni nel proprio paese. La polemica riguarda un problema colossale, su cui troppi colpevolmente tacciono: circa 250 milioni di persone appartengono aLeggi Tutto

“Con il covid gli ultimi due mesi sono stato senza lavoro: la quarantena mi ha costretto a diventare un mendicante dipendente dagli aiuti. In qualche modo ho mantenuto la famiglia con le razioni passate dal governo. Ora il ciclone mi ha distrutto la casa, raddoppiando le mie miserie”.  Sono le parole di Kalipada Haldar, operaio in una fabbrica di cartone a Calcutta, che vive in una baracca ora distrutta dal ciclone Anphan, il più violento degli ultimi 100 anni nella regione. Come tanti altri, sta soffrendo tre emergenze: il contagio del covid-19, gli effetti del ciclone e quelli della quarantena. I virus sempre più spesso insidiano l’umanità, i cicloni diventato più frequenti e distruttivi – tutto ciò grazie al dissesto ambientaleLeggi Tutto